Tai prins mês dal an scolastic 2019/20, passe 900 students furlans di prime superiôr a an partecipât al scandai “La fotografie lenghistiche de classe”, un progjet metût in vore de rêt di scuelis “La lavagne plurilengâl” par promovi il plurilenghisim e la valorizazion des lenghis feveladis tal teritori regjonâl.

Il progjet al è stât inmaneât cu la colaborazion di docents dal nestri istitût, dutune cui coleghis di altris cinc scuelis superiôrs: “Bearzi” di Udin, “Linussio” di Codroip, “Magrini-Marchetti” di Glemone, “Manzini” di San Denêl, “Marinelli” di Udin.

Il scandai, inviât za fa cualchi an dal liceu Marinelli, al è stât inmaneât par scrutinâ cualis lenghis ch’a doprin i zovins tes diferentis situazions de lôr vite (famee, amîs, scuele) e cualis lis competencis lenghistichis, orâls e scritis, ch’a doprin te comunicazion. La vore e à metût in lûs, classe par classe, no dome la ricjece lenghistiche dai zovins des scuelis coinvolzudis (plui di 30 lis lenghis feveladis in famee), ma soredut cetant ch’a vegnin dopradis lis lenghis di minorance, come il furlan, il todesc e il sloven, tuteladis dal articul 6 de Costituzion taliane.

Il progjet e i dâts de “Fotografie linguistiche” a saràn presentâts Vinars ai 21 di Fevrâr dal 2020 al liceu Marinelli di Udin a lis 3.00 dopomisdì, in te suaze dal incuitri-dibatiment dal titul “Plui lenghis, plui vite. Atualitât e prospetivis par une scuele plurilengâl in Friûl”. Ae presentazion a fevelaran: il dirigjent dal Marinelli Stefano Stefanel; Matteo Fogale, dal grop di coordinament de rêt “La Lavagne Plurilengâl”; Fabiana Fusco, professore di Linguistiche de Universitât dal Friûl, cuntun contribût dal titul “Cui che al è monolengâl ch’al alci la man! Riflessions sul plurilenghisim e la educazion plurilengâl te scuele”; e Linda Picco, za ricercjadore de Universitât dal Friûl, ch’e fasarà une analisi dai dâts de Fotografie linguistiche 2019. Al sierarà l’incuintri il Diretôr dal Centri Interdipartimentâl pal Svilup de Lenghe e de Culture dal Friûl (CIRF) Enrico Peterlunger.

L’incuintri si davuelç in te suaze des celebrazions pe Zornade Internazionâl de Lenghe Mari, inmaneade de Conference Gjenerâl de Organizazion des Nazions Unidis par la educazion, la sience e la culture (UNESCO) tal Novembar dal 1999, cul fin di promovi la diversitât linguistiche e culturâl e il plurilenghisim.

La Lavagne Plurilengâl e je une rêt di istituzions scolastichis e culturâls furlanis che si impegnin pe promozion de educazion plurilengâl e la tutele de lenghe furlane inte scuele secondarie di secont grât cuntune prospetive multiculturâl e europeane.

[CULÌ il depliant dell’iniziativa].



Più lingue, più vita

Nei primi mesi dell’anno scolastico 2019/20 oltre 900 studenti friulani di prima superiore hanno partecipato all’indagine “La fotografia linguistica della classe”, un progetto realizzato dalla rete di scuole “La lavagne plurilengâl” con l’obiettivo di promuovere il plurilinguismo e la valorizzazione delle lingue parlate sul territorio regionale.

Alla realizzazione del progetto hanno collaborato attivamente alcuni docenti del nostro istituto, insieme ai colleghi di altre cinque scuole secondarie: “Bearzi” di Udine, “Linussio” di Codroipo, “Magrini-Marchetti” di Gemona, “Manzini” di San Daniele, “Marinelli” di Udine.

L’indagine, avviata già da alcuni anni presso il liceo Marinelli, ha l’obiettivo di individuare quali lingue pratichino i giovani nei vari contesti di vita (famiglia, amici, scuola) e quali le competenze linguistiche, orali e scritte, possedute nelle diverse situazioni comunicative. Ciò ha permesso di rilevare, classe per classe, non solo la ricchezza linguistica dei giovani delle scuole aderenti (oltre 30 le lingue parlate in famiglia), ma in particolare l’estensione delle lingue di minoranza, quali il friulano, il tedesco e lo sloveno, tutelate dall’articolo 6 della Costituzione italiana.

Il progetto e i dati della “Fotografia linguistica” saranno presentati venerdì 21 febbraio 2020 presso il liceo Marinelli di Udine alle ore 15.00 durante l’incontro-dibattito dal titolo “Più lingue, più vita. Attualità e prospettive per una scuola plurilingue in Friuli”. Alla presentazione interverranno il dirigente del Marinelli Stefano Stefanel, Matteo Fogale, del gruppo di coordinamento della rete “La Lavagne Plurilengâl”, Fabiana Fusco, docente di Linguistica presso Università di Udine, con un contributo dal titolo “Chi è monolingue alzi la mano! Riflessioni sul plurilinguismo e l’educazione plurilingue dentro la scuola” e Linda Picco, già ricercatrice dell’Università di Udine, che svolgerà un’analisi dei dati della fotografia linguistica 2019. Concluderà l’incontro il Direttore del Centro Interdipartimentale per lo Sviluppo della lingua e della cultura del Friuli (Cirf) Enrico Peterlunger.

L’incontro si inserisce nel contesto delle celebrazioni per la Giornata internazionale della Lingua Madre, proclamata dalla Conferenza Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) nel novembre del 1999, con l’obiettivo di promuovere la diversità linguistica e culturale e il poliglottismo.

[QUI il dépliant dell’iniziativa].