I docenti e il personale ATA dell’Isis Paschini Linussio insieme ad alcuni colleghi veneti, anche loro in Irlanda con il progetto Erasmus+

The first group of teachers and two members of school staff  have just come back from Ireland after the two-week experience of Erasmus+. The group spent 15 days in Galway and had the opportunity of an innovative experience of updating: in the morning the teachers attended the lessons taken by a Cornish teacher and personally experienced new methodologies and didactic techniques in the field of foreign languages. The lessons were mostly based on the student as the main protagonist of the teaching-learning process and contributed to develop numerous ideas and activities to use in our school classes (for example small CLIL modules) and to focus on multicultural and cross-cultural approach. Besides, there have been contacts with local vocational schools to involve our students in school exchanges for sharing their professional skills and train their competences in English. The members of school staff, instead, attended an intensive course of English to improve their competencies in the foreign language. A full immersion involvement which promises a meaningful didactic relapse on teaching school activities, in line with Erasmus+ guidelines.Next week a second group of teachers is leaving for Berlin for the improvement of German Language and we wish they may achieve the same success.


È appena rimpatriato il primo gruppo di docenti e personale ATA che ha partecipato al progetto Erasmus Plus di mobilità all’estero. A Galway, in Irlanda, per quindici giorni hanno avuto l’occasione di vivere un’esperienza di aggiornamento innovativa: al mattino gli insegnanti seguivano le lezioni di un professore originario della Cornovaglia, il quale illustrava metodi e strumenti in uso nelle scuole irlandesi. Hanno sperimentato in prima persona metodologie didattiche innovative, calandosi nei panni degli studenti in situazioni simulate. Ne sono nati numerosi spunti non solo per proporre attività da svolgere in classe — ad esempio dei piccoli moduli CLIL (Content and Language Integrated Learning)— ma anche per riflettere su un approccio diverso alle discipline scolastiche. Inoltre si sono creati i contatti con scuole locali di indirizzo alberghiero, con le quali potranno essere organizzati degli scambi per fare incontrare gli studenti e le professionalità. Il personale ATA, invece, si è immerso nello studio della lingua inglese con un corso ad hoc di indubbia utilità. Dunque due settimane intense, che promettono di estendere la loro utilità qui, con ricadute significative nel lavoro in classe dei docenti, in linea con gli obiettivi del progetto europeo Erasmus Plus. Si segnala infine che è in partenza per Berlino il gruppo interessato ad affinare la conoscenza della lingua tedesca, per il quale ci si augura che l’esperienza risulti altrettanto fruttuosa.