Grazie al progetto ERASMUS+, a cui il nostro Istituto ha aderito nell’anno scolastico 2018/2019, alcune agenzie europee coinvolte nel programma hanno espresso la loro disponibilità a ricevere le candidature di giovani neo diplomati per lo svolgimento  di tirocini lavorativi presso i Paesi dell’Unione Europea. Il progetto “BAR.F.L.A.I.R. – BARtenders Fulfilling Learning Agreements In euRope” intende promuovere e valorizzare il lavoro del Bartending, una figura professionale in continuo sviluppo, che sta vivendo oggi un processo di rivalutazione, soprattutto in ambito giovanile. L’iniziativa europa offre a 100 giovani con cittadinanza italiana la possibilità di effettuare un’esperienza formativa di quatto mesi presso aziende estere in Germania, Francia, Spagna e Regno Unito. Potranno candidarsi i diplomati in uscita da percorsi d’istruzione professionale in Enogastronomia, specializzatisi nell’indirizzo di Sala e Vendita. Gli ex allievi del nostro Istituto potranno quindi candidarsi individualmente seguendo le indicazioni riportate sul portale www.erasmus-barflair.eu o attraverso l’indirizzo email: info@erasmus-barflair.eu.

Gli obiettivi e le ricadute del progetto, come indicato nel sito, sono:

  • Aumentare il prestigio delle professioni legate al Bartending, attirando sempre più studenti verso percorsi specifici per ridurre il disorientamento professionale e conseguente rischio NEET;
  • Fornire ai partecipanti competenze specialistiche e trasversali da applicare nel settore del Bartending attraverso percorsi di apprendimento esperienziale all’estero;
  • Sensibilizzare i partecipanti e gli attori coinvolti in merito alle innovazioni e alle tendenze che il Bartending sta sperimentando negli ultimi anni (mixology, Latte Art, sustainable cocktails, ecc.);
  • Favorire il miglioramento del sistema di IeFP nazionale e l’avanzamento del sistema ECVET a livello nazionale;
  • Miglioramento delle competenze tecnico-professionali e trasversali del 100% dei learners;
  • Raggiungimento di un livello di conoscenza linguistica dal B2 al C1 per almeno il 70% dei partecipanti; l’inserimento professionale del 65% dei partecipanti presso aziende estere o italiane; coinvolgimento di un ulteriore 35% dei partecipanti in corsi di formazione professionale o di specializzazione;
  • Miglioramento delle competenze gestionali e dell’internazionalizzazione.

La formula europea dei tirocini prevede inoltre la copertura di tutti i servizi di mobilità e l’assegnazione di un contributo economico da utilizzare nella sede lavorativa. La realizzazione del progetto è prevista per l’anno 2021, compatibilmente con l’evoluzione dell’emergenza sanitaria.